Apri il menu principale

Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/456


di un singolare cavallotto, ecc. 443

Una crocetta eguale, o poco dissimile, s’incontra, è vero, su altre monete svizzere, anche d’epoca alquanto posteriore a quella di cui ci occupiamo, ma ciò non influisce nel caso nostro.

Per me, insomma (se non m’inganno), questa forma particolare di crocetta sarebbe come l’indizio rivelatore, la caratteristica del filone monetale che a quei tempi si estende e si ramifica dalle zecche del Piemonte a quelle svizzere, allacciando anche le trivulziane.

Quelle zecche trivulziane, dalle quali uscì pure una imitazione del pezzo bellinzonese col motto VICTORIA ELVECIORVM che il nostro compianto Rossi chiamò giustamente una moneta " tra le più artistiche di quei tempi „1. Questa imitazione si deve a Gianfrancesco Trivulzio, ma dagli Abschiede sappiamo che, sin dal 1506, Giangiacomo aveva fatto ai Tre Cantoni la proposta di coniar moneta insieme, nella zecca di Bellinzona2.

Una terza ed ultima considerazione vorrei fare, intorno al tanto discusso testone con l’epigrafe IN LIBERTATE SVMVS3.

  1. Coraggioni, op, cit — (Alla tav. XVI, n. 11).
        Rossi (Umberto), Di alcune moneti inedite di Bellinzona. — (In Bull. de la Soc. suisse de Num. IIme Année, n. 3, Fribourg, 1883; — a pag. 37 38).
        Catalogo delle monete componenti la collezione del March. Angelo Remedi, Milano, 1884. — (Eliotipia alla tav. VI; n. 2240).
        Gnecchi, Le monete dei Trivulzio, — (Alla tav. IV, n. 4).
  2. Liebenau und Sattler, 1. c. — (A pag. 100).
  3. Vergara (Cesare Antonio), Monete del regno di Napoli. Roma, 1715. — (A pag. 127, e alla tav. XXXXI, n. 1).
        Reichel, Die Reichelsche Sammlung in St. Petersburg. Neunter Theil. St. Petersb., 1843. — (A pag. 369, n. 2493).
        Fusco (Giuseppe Maria), Di una inedita moneta battuta in Roma l’anno 1528 dall’imperatore Carlo V, Napoli, 1848. — (A pag. 15, e al n. 4 della tav. annessa).
        Catalogue des monnaies du moyen âge, etc, composant la collection du prince Alexandre Troubetzkoy. Paris, 1860.
        Promis (D.), Monete della zecca di Dezana, — (A pag. 26, in nota).
        Morel Fatio, Bellinzona, Teston anonyme frappé dans cette localité