Apri il menu principale

Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/372


monete italiane inedite della raccolta papadopoli 359


Niccolò Papadopoli Ferdinando Gonzaga Rivista italiana di numismatica 1896 (page 372 crop).jpg


7. — Argento, peso gr. 11,a8.

   D/ — Scudo come al n. 6 in proporzioni minori · FERDINANDVS · D · G · DVX · MANT · VI ·
   R/ — Croce come il n. 6 in proporzioni minori ® ET · MONTIS · FERRATI · IV

Il padre Ireneo Affò riporta due tariffe, l’una di Parma1 21 marzo 1625, dove si trovano elencati scudi di Mantova, che da una parte hanno una croce grande e quattro piccole, la seconda di Guastalla2, 1 febbraio 1640, nella quale è nominato un tallero detto (ossia di Mantova) dalle 5 ✠ e valutato L. 7,15, mentre i talleri d’Alemagna e d’altre buone stampe sono posti a L. 9,16.

Alla prima di tali citazioni G. A. Zanetti aggiunge la seguente nota: (232) " Posseggo questa moneta bene conservata e la trovo di peso carati 118 bolognesi. La sua bontà era di oncie 11 e den. 1, come ho rilevato dai saggi fatti in quel tempo in questa zecca di Bologna. „

Non ostante questo cenno in un’opera classica che è consultata da tutti gli studiosi, il tallero e il mezzo tallero di Ferdinando (1613- 1626) sfuggirono alle ricerche di tutti coloro che si occuparono delle

  1. Della Mecca e moneta parmigiana. — G. A. Zanetti, Nuova raccolta delle monete, op. cit.. Tomo V, pag. 151.
  2. Della zecca di Guastalla. Ivi, tomo III, pag. 83.