Apri il menu principale

Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/329

316 francesco gnecchi

un eruditissimo studio sulla monetazione del bronzo nei primi anni dell’impero, con risultati nuovi e veramente convincenti.

Uno studio simile sui medaglioni darebbe elementi per un nuovo prospetto dei loro pesi, il quale assai probabilmente ci condurrebbe a nuove concordanze finora sfuggite all’esame dei numismatici, e fornirebbe probabilmente le prove dì ciò che noi non facciamo che intravvedere col raziocinio.

Quantunque ora il tempo mi manchi per un esame speciale ed accurato, mi parrebbe che logicamente i medaglioni coniati in metallo giallo dovrebbero essere multipli di sesterzii o di dupondii, mentre quelli coniati in metallo rosso dovrebbero essere multipli di assi.


V.


Ma è tempo di venire alle eccezioni che l’illustre autore dell’articolo propone.

I medaglioni che, secondo il suo parere, non avrebbero mai avuto corso di moneta, sarebbero:

a) quelli ornati di un cerchio ornamentale.

b) quelli che presentano in due parti opposte dell’orlo due buchi in cui pare fossero fissati i perni di una cornice.

c) quelli che furono anticamente dorati.

d) quelli formati di due metalli.

Sono disposto ad accordare pei medaglioni ornati di cerchio decorativo la sola vera eccezione; ma conviene osservare due cose per determinare di qual natura questa eccezione sia.

In primo luogo tale fenomeno si incontra non solo nei medaglioni, ma anche in pezzi semplici,