Apri il menu principale

Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/291

282 bibliografia

sarà però lecito chiudere questa recensione con una osservazione semplicemente editoriale e commerciale. In Inghilterra il volume viene pubblicato a 6 scellini e mezzo, in Francia a tre franchi e mezzo, in Italia per una lira e cinquanta centesimi!

Forse questa scala discendente rappresenta in via approssimativa la ricchezza relativa delle tre nazioni; ma, ammettiamo, che, malgrado tutto, l’editore italiano è quello che ha riportato la palma, e che il vero libro popolare si fa in Italia.

F. G.          




Coraggioni (Leodegar). Münzgeschichte der Schweiz. Ginevra, presso P. Strcehlin e C. (Tip. Keller in Lucerna), 1896. — Un vol. in-4°, di pag. XI-184, con 50 tav. in eliotipia della Casa Brünner e Hauser di Zurigo).

La Numismatica svizzera è assai interessante, e numerosissimi sono i suoi cultori; essa manca tuttavia di un’opera complessiva recente, che possa sostituire il vecchio ma sempre utile Schweizerisches Münz — und Medaillen — Kabinet di Haller (Berna, 1780-81, due vol.).

Tale, a dir vero, non crediamo che abbia potuto essere lo scopo diretto del libro testé pubblicato dal Sig. Coraggioni; ma intanto, sotto una forma tutta diversa, abbiamo un’altra opera che ci presenta riunite in un quadro le svariate serie monetali della Svizzera; col vantaggio di aver potuto largheggiare nella parte illustrativa, approfittando dei metodi moderni ed efficacissimi di riproduzione. Questo anzi, a parer nostro, è il principal pregio dell’elegante volume del signor Coraggioni; diciamo anzi, che mentre egli considera le 50 tavole come una semplice " appendice „ al suo lavoro, noi riteniamo invece che potrebbero anche stare da sé, costituendo Lin atlante utilissimo pei raccoglitori. Con questo, non intendiamo affermare che esse siano perfette; poiché, anche prescindendo dal fatto che molte volte si potevano scegliere per la riproduzione esemplari meglio conservati, l’autore ha creduto d’introdurre nelle tavole un’innovazione che francamente non crediamo troverà imitatori; quella di disporre il diritto e il rovescio delle monete secondo un