Pagina:Rivista italiana di numismatica 1895.djvu/367


contributo alla storia della moneta romana 353

b) Assi (rame).


2. — D. — caesar avgvstvs tribvnic potest. Testa nuda di Angusto a sin. o a destra.

R. — iii vir a a a f f Nel mezzo s c1.

  Cohen, id. n. 369.


3. - 764 — 11 d. C.

D. — imp caesar divi f avgvstvs imp xx. Testa nuda di Augusto a sinistra.
R. — pontif maxim tribvx pot xxxiiii. Nel mezzo sc2.

  Cohen, id. n. 226.

    (Coh. Oct. Aug. n. 342), C. Asinius Gallus (Coh. id. n. 368), Cn. Piso Cn. F. (Coh. id. n. 378), C. Cassius Celer (Coh. id. n. 408), C. Gallius Lupercus (Coh. id. n. 435), P. Stolo (Coh. id. n. 44o P. Licinius Stolo (Coh. id. n. 442), P. Lurius Agrp. (sic) (Babelon, t. II, p. 155), Censorinus (Coh. id. n. 452), L. Surdinus (Coh. id. n. 472), C. Plotius Rufus (Coh. id. n. 502), T. Crispinus (Coh. id. n. 505 T. Crispinus Sulpician. o Sulpicianus (Coh. id. n. 507), T. Quinctius Crisp. o Crispinus (Coh. id. n. 509), M. Sanquinius (Coh. id. n. 52i Ti. Sempronius Graccus (Coh. id. n. 525).

  1. Anche per gli assi varia il nome del monetiere, pur rimanendo costanti i tipi del diritto e del rovescio. Tralascio le lievi differenze nella leggenda del diritto. I nomi dei monetieri che vi si leggono sono: C. Asinius Gallus (Coh. Oct. Aug. n. 369), Cn. Piso Cn. F. (Babelon, t. I, p. 308), C. Cassius Celer (Coh. id. n. 409), C. Gallina Lupercus (Coh. id. n. 436J, A. Lincin. Nerva Silan. (Coh. id. n. 437), P. Lurius Agrippa (Coh. id. n. 445, 416;, M. Maecilius Tullus (Coh. id. n. 448 449), Maianius Gallus (Coh. id. n. 451). L. Naevius Surdinus ovv. L. Surdinus (Coh. id. n. 470, 473). Sex. Nonius Quinctilian (Coh. id. n. 474, 475, C. Plotius Rufus (Coh. id. n. 504), T. Crispinus (Babelon, p. 397, n. 14), M. Salvius Otho (Coh. id. n. 515, 516). M. Sanquinius (Babelon, p. 419. n. 6), Volusus Valer. Messal. (Coh. id. n. 53B).
  2. Devo dichiarare di non aver potuto finora stabilire, per mancanza di esemplari, se i medii bronzi di Augusto con i nomi dei monetieri, aventi nel diritto la testa nuda di Augusto con dietro la Vittoria alata che gli cinge il capo con serto di alloro, siano di oricalco o di rame, e perciò sono in dubbio se siano tutti dupondii od assi. Io argomento che debbano essere dupondii. Nel medagliere di Napoli ve ne sono soltanto tre, due dei quali sono di oricalco, e uno di rame. Il Cav. Francesco Gnecchi ne ha due nella sua collezione, anch’essi