Pagina:Rivista italiana di numismatica 1895.djvu/28

26 ettore gabrici

2°). — Arg., mill. 28.

D/ — Ninfa in piedi, sacrificante, come nei nn. 69, 72, 75; nel campo a s. vi è un granello d’orzo, a dr. una ruota.
R/ — IMEPAION (retrogr). Uomo in quadriga.

Grammi 16,77, Monaco; gr. 15,45, Napoli (Fiorelli, n. 4426).

Osservazione. — Questa contraffazione è delle più inesatte e grossolane. Basti vedere lo zampillo che sgorga dalla testa del leone e la forma delle lettere che costituiscono la leggenda. 11 doppio simbolo è strano.

3°). — Arg. mill. 26.

D/ — Ninfa sacrificante, come nel n. 113.
R/ — IMEPAI... Uomo in quadriga, ecc.

Parigi; Palermo.

Osservazione. — Questo tetradramma è una imitazione del n. 113, fatta abbastanza bene. La Ninfa è disegnata con esattezza; ma i difetti appaiono nella mano sinistra di essa, nella gamba sinistra del Sileno, appena accennata, nella testa dell’auriga, nello scudiscio che passa per mezzo alla corona della Nike ed infine nella leggenda. Si aggiunga che i due esemplari citati sono del medesimo conio.

4°). - Arg., mill. 25.

D/ — Ninfa sacrificante, ecc.
R/ — IMEPAION – Vittoria in biga, coronata dalla Vittoria.

Pellerin, Recueil de Mcdailks, pi. CIX, n. 31. Torrem., tab. XXXV, num. 3.

Osservazione. — L’Eckhel notò, come cosa singolare nelle monete d’Imera " Victoriam aurigantem ab alla Victoria coronari. „ Il Cavedoni (Spicil. numism., p. 27, Himera), sospettò che una delle due figure alate fosse il Genio Intero (ἵμερος) che si vede d’ordinario alato, con benda e corona, e che potrebbe