Pagina:Rivista italiana di numismatica 1894.djvu/499


la zecca di reggio emilia 481
R/ — HER — (aquiletta) II • (aquiletta) — DVX — IIII nel campo in quattro linee.
Museo di Ferrara1.


92. Bagattino, Rame.

D/ — S • PROSPER • Busto del santo, con mitra, di faccia.
R/ — MAT • GRATI • La Vergine col bambino, in mezza figura.
Bellini, III, Tav. XVI, 9.


ALFONSO II


(1559 — alla chiusura della zecca 1573).



1. Doblone da dieci scudi. Oro, Titolo 0,916, gr. 32.85.

D/ — ALFONSVS • II • DVX • REGII • V • — 1572 • Busto corazzato, con barba, a destra.
R/ — • MAXIMIS • — • MAXIMA • Aquila estense coronata ad ali aperte.
Medagliere Fiorentino2


2. Quadrupla, Oro, gr. 13.20

D/ — ALFONSVS • II • DVX • REGII • V • — 1567 • Busto corazzato, con barba, a destra.
R/ — PACE • BELLOQVE • FIDELIS • - - RE • LE Uomo nudo appoggiato ad uno scudo a cartocci con l’arme di Reggio, con una cornucopia nella sinistra.
Medagliere Fiorentino.
  1. L’unione di due diritti, in questa moneta che è senza dubbio un bagattino, si spiega con la somiglianza del diritto del quattrino in quattro righe, col rovescio del bagattino pure in quattro righe, e questo perchè quando cessava la battitura dei bagattini, i conii si depositavano in zecca. Un altro esempio di due diritti di due principi diversi è il bagattino al n. 25 di Alfonso II.
  2. In un registro delle monete uscite dalla zecca di Reggio negli anni 1571-72, sono notate sei piastre da 10 scudi, levate di zecca il 6 Ottobre 1572.