Pagina:Rivista italiana di numismatica 1894.djvu/131


NECROLOGIA



DAMIANO MUONI.


Il Cav. Damiano Muoni nacque in Antignate sul bergamasco il 14 agosto 1820 da Giovanni Pietro, notaio collegiata di Cremona e da Giuseppina Torriani da Mendrisio. Compì gli studi legali nel 1841. Prese parte alla rivoluzione milanese nel 1848. — Preso da giovanile entusiasmo per i miracoli del magnetismo animale, che in allora aveva guadagnato nuovi adepti e preso nuovo vigore, percorse vari stati d’Europa, e segnatamente la Spagna, da fervente apostolo della dottrina di Mesmer. Rimpatriato, ebbe nel 1857 la nomina a Vice-segretario della Luogotenenza di Lombardia, e nel 1864, quella a Segretario presso l’Archivio di Stato di Milano, dove rimase fino al 1880. Dal 1859 in poi applicò tutte le forze del suo ingegno agli studi storici. Illustrò con singolare amore e con erudite monografie il suo paese nativo, e a questo nobile scopo consacrò non piccola parte della sua modesta fortuna nell’acquisto di libri, di carte e monete, colle quali formo nella sua casa un pregevole Museo. Dopo una vita sempre operosa e dedicata in ispecie al lustro della propria famiglia e del paese nativo, Damiano Muoni moriva in Milano il 22 febbraio 1894, nell’età di settantaquattro anni.




Fra le numerose pubblicazioni del Muoni, citeremo le seguenti, che hanno rapporto colla numismatica:

Elenco delle zecche d’Italia dal medio-evo infino a noi. Milano, 1858. — Famiglia Sforza. Milano, 1858; con 7 tav. — Sulle Mo-