Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/122

118 emilio tagliabue


MONETE D'ARGENTO. CORSO
di Coira
canton.
di
Mesolcina
Confederaz.  Fior. K.  Lir. S. D.
Svizzera Tallero di diversi Cantoni e sua metà e quarto in proporzione. 3 20 9 15
Francia Tallero di giusto peso 3 20 9 12
" Pezzo da 5 franchi e suoi spezzati 2 53 8 10
Italia Pezzo da 5 lire italiano e suoi spezzati in proporzione 2 53 8 10
Milano Scudo, metà e spezzati 2 36 7 10
Bologna Scudo della Madonna da Paoli 10 e suoi spezzati in proporzione 3 8 15
Parma Ducato 2 54 8 15
Firenze Pisis e sua metà in proporzione 3 8 9 2 6
Savoia Scudo e spezzati in proporzione 4 11
Piemonte Pezza nuova di 5 lire o spezzati 2 53 8 10
Spagna Pezza nuova e vecchia con colonne e globi e suoi spezzati in prop. 3 8 16
Austria Scudo di Fiandra detto Crocione e spezzati in proporzione 3 20 9 15
" Pezzo nuovo di lire 6 austriache, e diversi talleri di convenzione e suoi spezzati 3 8 15
" Pezzo da 20 Carantani detto Svanzigher, blozeri 35 30 1 9
Baviera Tallero di convenzione 3 8 15
" Scudo con scettro e spada volgarmente detto Crocione 3 20 9 15
Cant. Tic. Tallero di Fr. 4 Svizzeri e spezzati in proporzione 3 24 10
" Pezzo da soldi 3, blozeri, 4 3 3 4
Griggioni Pezzo da Bazzi 5 26 1 5
" " da un Bazzo 5 5
" Blozeri 6 per 5 soldi 5 5


"Per le monete d'oro sino al valore del luigi d'oro sarà tollerato il calo di due grani, per quelle di maggior valore grani tre: eccedendo poi il calo a queste fissazioni, sarà facoltativo ad ognuno di ricevere le valuti calanti coll'abbuono di soldi 5 per ciascun grano calante dal peso intero.

" Tutte le monete erose ed in genere non nominate nella presente tariffa sono dichiarate fuori di corso. "