Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/589

568 c. luppi

pubblicato il primo volume dell’Iconografia romana che doveva degnamente far seguito alla greca. L’annunzio della sua morte commosse tutto il mondo civile, e ai suoi funerali non solo l’Italia, ma la Grecia, la Germania, la Svezia, la Danimarca, l’Inghilterra, la Spagna, il Portogallo, vi vollero essere rappresentate per mezzo de’ loro scienziati e de’ personaggi più illustri, “Nel cimitero del Padre Lachaise gli venne eretta una tomba ornata del suo busto; mentre in Roma ed in Bologna si celebrava la sua memoria ed i giornali facevano a gara nello spargere fiori sulla sua tomba.”1 — Di tutte le opere dell’ingegno fecondissimo di Ennio Quirino, quelle che interessano più da vicino, e in sommo grado gli studi nostri sono le due ultime citate, cioè l’Iconografia greca e l’Iconografia romana; in ispecie la prima, perchè compiuta, e più ardua, comprendente la storia illustrata colle monete dei Re di Sicilia, di Macedonia, dell’Epiro, di Sparta, di Tracia, d’Illiria, del Ponto e del Bosforo Cimmerio, di Bitinia, di Pergamo, dell’Asia minore, di Cappadocia, d’Armenia, e della Siria; dei principi della Cilicia, di Commagene e della Giudea; de’ re Parti e dei re Persiani della dinastia dei Sassanidi, dei re della Battriana, di Caracene e Babilonia, e infine dei Tolomei d’Egitto. A questo immenso lavoro, che inchiude la storia di tutto il mondo greco antico, antepose anche i ritratti che si riscontrano sulle antiche medaglie e pietre incise dei più illustri poeti, legislatori, filosofi, e delle donne celebri, che resero famosa, sopra ogni altra, quell’età. Storia questa non mai tentata in così vasto complesso da nessun altro prima di lui, con tanta competenza, con si profonda erudizione, e con si splendida illustrazione. Talché per questa e per le altre molteplici sue opere, accennate più sopra, un biografo francese non esitò a conchiudere: Winkelmann, il sommo archeologo prussiano ha fatto amare la scienza delle antichità; l’italiano Visconti ne ha splendidamente illustrato tutto quanto il dominio.


  1. Giuseppe Maffei.