Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/57

54 tarquinio gentili di rovellone


I.


CENNI STORICI.


Per unanime attestazione di tutti gli storici, Giovanni XII è figlio di quel marchese Alberico, il quale, profittando della lunga vacanza, dell’impero così detto dei Romani (riproduzione dell’impero di occidente fatta dai Papi) avvenuta fino dall’anno 924 con la morte del primo Berengario, si fece tiranno di Roma, usurpandone la Signoria, e giunse sino al punto da ottenere nelle monete pontificie, col titolo di principe, il posto che prima vi avevano gli imperatori: lo accertano indubbiamente le monete dei papi Marino II e Agapito II riportate dal Promis. Morì Alberico nel 954, ed il figlio di lui Ottaviano, o per volontà manifestata dal padre, o per suo proprio impulso, s’impossessò della Signoria di Roma, tuttoché ancor minorenne e già chierico. Mancò pur di vita l’anno appresso (955) papa Agapito II, e il chierico minorenne Ottaviano seppe così bene profittare della potenza a lui attribuita dalle tiranniche tradizioni paterne, e dalla assunta Signoria, che in dodici giorni (secondo afferma il Promis) si fece eleggere Papa; e volle come Pontefice essere chiamato Giovanni.

Fu il primo tra i papi a cambiar nome nello assumere il pontificato: quale la ragione? se ne