Apri il menu principale

Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/480


le monete del ducato napoletano 463

2. Denaro d’argento.

D/ — Cross-Pattee-Heraldry.svg BASIL IMPE
Al centro, in forma di monogramma, NEAPOLI

R/ — Cross-Pattee-Heraldry.svg SCI IANVARI
Al centro croce potenziata su d’un gradino, tra due stelle1.

(Tav. XI, N. 3).


3. Argento. Peso gr. 0,431. (Coll. Sambon).

D/ — Cross-Pattee-Heraldry.svg BASIL IMPE
Al centro NEA

R/ – Cross-Pattee-Heraldry.svg SCI IANVAR
Croce tra due stellette.

(Tav. XI, N. 4).


Dei due denari, inedito è il secondo; nè, credo, che si sbaglierebbe, ponendone la coniazione tra gli anni 881 e 884, quando i ministri di Basilio rialzavano in Italia il prestigio dell’impero Bizantino, e scacciavano e vincevano i Musulmani. Onde in segno d’alleanza ovvero di pretesa dipendenza, s’improntavano uniti sulla medesima moneta i nomi di Basilio e del Santo Napoletano, e battevasi, forse nella stessa zecca, e certo a memoria delle imprese contro i Saraceni, anche il seguente denaro rinvenuto presso Telese:

4. Argento. Peso gr. 0,935. (Coll. Sambon).

D/ — BASILI IMPE nell’area.

R/ — SANCTA R— XA (in nesso) I
Da leggersi XRISTIANA RELIGIO2.

(Tav. XI, N. 5).


  1. Pfister, Monnaie inédite de l’empereur Basile I.er frappée à Naples en 884 — «Revue Numis.», 1849 e Regio Museo di Torino.
  2. Forse a questo tempo sono da riferirsi due sconosciute monete di argento da me possedute. L’una ha al dritto i nomi di basil leo alexan: al centro imps e al rovescio, intorno ad un ramo che sembra spiga, mihael arhagel (Tav. II, N. 6), e l’altra al dritto arhan mih: (ivi, N. 7).