Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/365

348 francesco gnecchi

spiegazione soddisfacente non la vedo e il fatto sembra strano.

Ma siccome nulla vi deve essere di strano, sarei felicissimo che qualcheduno approfondisse la cosa e ne trovasse la spiegazione, tanto più che l’apparente anomalia può e anzi deve collegarsi coli’ intima natura del Medaglione, e potrà fornire nuovi lumi su tale materia non ancora abbastanza studiata, né abbastanza nettamente definita.


MEDAGLIONE DI BRONZO CERCHIATO DI M. AURELIO.

(Dopo Coh. 890).


D/ — ANTONINVS AVG ARM PARTH MAX
Busto laureato e corazzato a destra.

R/ — TR P XXII IMP INI COS III
Due Vittorie di fronte l'una all’altra sostengono insieme uno scudo circondato da una corona d’alloro colla leggenda S P Q R VIC PARTHICAE. Nel mezzo un parto seduto a terra e piangente. (Anno 168 d. C).

Diam. del medaglione senza cerchio mm. 38.
» » » col cerchio mm. 60.

Peso gr. 175.

(Tav. VIII, N. 3).


Considerato semplicemente come Medaglione, questo da me descritto non sarebbe che una variante di uno simile esistente al museo di Parigi e descritto al N. 390 di Cohen, il quale ha lo stesso rovescio, col busto di M. Aurelio a sinistra colla corazza e l’egida.

Ma ciò che forma la specialità del mio esemplare è il cerchio che lo circonda, e che ne aumenta d’assai il pregio, essendo rarissimi in confronto dei medaglioni comuni quelli fregiati di tale ornamento.

A questi medaglioni ornati di cerchio non venne finora assegnata una denominazione ben fissa