Pagina:Rivista italiana di numismatica 1890.djvu/218


CONGETTURE


SULL’ATTRIBUZIONE DI ALCUNI TREMISSI LONGOBARDI




Rivista italiana di numismatica 1890 p 218.png


Questi tremissi, dallo stampo ristretto relativamente al diametro loro, donde risulta in contorno un largo margine liscio, caratteristica dei longobardi, se ne distinguono per la singolarità delle impronte.

Quantunque non perfettamente uguali, si prestano per la grandissima rassomiglianza fra di loro, indizio di una origine sola per tutti, ad uno studio di confronto. I due primi sono tolti all’opera grandiosa di E. Gariel sulle monete dei Carolingi1, il terzo mi appartiene.

In tutti non havvi che un monogramma in di-

  1. E. Gariel, Les monnaies royales de France sous la race Carlovingienne. Parte II, Tav. IV, N. 84 e 85.