Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/535

508 giuseppe ruggero

tribuito ad aumentare questa serie in modo tale, che le Signorie segnate dai minuti trovansi ora quasi quadruplicate, mi sento attratto da qualunque novità che vi si riferisca. Questa diligenza nel tener nota di tutte le varianti che vengon fuori, potrà per avventura parere eccessiva, ma io non la credo inutile, potendosene trarre quasi sempre qualche resultato. Infatti ne abbiamo uno presentemente, poiché le varianti qui descritte confermano qualche precedente induzione ed una interpretazione già controversa; e potremo averne altri in avvenire, anche nel caso che io dovessi registrare novità, le quali invece di confermare infirmassero altre mie induzioni. E se tal caso si presentasse, io non sarei mai capace di venir meno all’obbligo mio, qualunque ne fossero le conseguenze, preferendo sempre l’affermazione del vero ad un falso amor proprio.

Ciò premesso, darò senz’altro la descrizione dei nuovi minuti, facendola seguire in ultimo dalle relative osservazioni.


1. D/ — IANVA : Q : D : P : B (Il P è tagliato, come al solito, dal prolungamento della parte curva).

Castello che interseca il giro della leggenda inferiormente. Sotto, stella.

R/ — CO NR AD VS

Croce che divide la leggenda in 4 parti.

C.1 — Peso gr. 0,55.


2. D/ — I : C : DV — X : IAN :

Tipo solito, come sopra, senza stella.

R/ — CO NR AD F Six petal flower icon.svg

Tipo solito.
C.1 — Peso gr. 0,57.