Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/43

28 giuseppe ruggero

starebbero bene nel primo periodo della dominazione di Francesco I, le monete col Dominus ianve le quali hanno m, a . m, ed o . m. Verrebbero poi quelle dell’Antoniotto dal 1522 al 27, avendo le iniziali o . m, n, n. c, n . o, b . c. In seguito, quelle di Francesco I senza il Dominus le quali portano le sigle m . b, t. f . a ed f . a, e finalmente quelle con libertas genvensivm, F . A. E forse questo, o questi soprastanti son gli stessi che troviamo su qualche moneta dei Dogi biennali senz’anno colla sola trasposizione delle iniziali, a . f.

Se veramente così stanno le cose, il re di Francia non avrebbe fatto eccezione alla nuova foggia del nome della città, non avendone più fatto menzione sulle monete dopo dell’Antoniotto.




XV.

NUOVA VARIANTE E CONSIDERAZIONE

SU DI UN MINUTO GIA EDITO.


Rivista italiana di numismatica 1889 p 043.png

Nell’annotazione VII1, lo scrivente assegnava al Governatore Antoniotto Adorno alcuni minuti col giglio, ma senza dame il disegno; ora crede bene supplire alla lacuna colla presente figura.


  1. In Giornale Ligustico, 1882.