Pagina:Rivista italiana di numismatica 1889.djvu/23

12 giovanni mulazzani

gerò alcuni cenni, ohe dalla pace di Costanza, risalgono all’origine, che ho più volte indicata, di Carlomagno.

Scarse di molto ed imperfette sono le notizie che abbiamo dal secolo XII retrocedendo al secolo VIII. Dubbio però non può esservi che l’appellazione di danari 12° del soldo non sia stata vigente mai sempre, ed anzi la più comune nei contratti. Di buoni danari vecchi milanesi (denariorum bonorum veterum mediolanenstum), rinvennero le traccie, in carte antichissime, Giulini e li Monaci di S. Ambrogio; e famosi sono nella storia, anche per le favole, da vedersi in Muratori, di cui furono imbrattati, li denari Ottolini, che fabbricati vennero dall’imperatore Ottone I e probabilmente anche dal II e III, di metà rame ed argento, che tuttora girano nei nostri Musei.