Pagina:Rime (Cavalcanti).djvu/34


togliere al Cavalcanti il sonetto : — Morte gentil remedio de' cattivi — il quale in Vd fa parte di una serie di sonetti, che formano un tutto solo, il quale non può essere opera di scrittore mediocre per le sue non scarse qualità poetiche. Ammettiamo però ancora per un istante che il trattato non sia opera del Caval- canti : ossia che possa essere opera di altro poeta, che viva a Firenze (') fra l'arte del Guinicelli e quella di Cino ed abbia alte qualità poetiche. Dovendo escludere Dante, perchè questo trattato non può essere né contem- poraneo né antecedente né posteriore a la « Vita Nova », non restano che o l'Or- landi o PAlfani o Lapo Gianni. L'Orlandi ha una maniera tutta diversa di poe- tare e non si sarebbe rivolto al Cavalcanti chiedendo : Onde si move e donde nasce amore ? se egli stesso fosse stato autore di un trattato di ben servire. Come avrebbe egli, trattatista amoroso, detto al poeta più giovane : chi '1 serve dee saver di sua natura : io ne domando voi, Guido, di lui : odo che molto usate in la sua corte. nelle quali parole non è la minima ironia? ( 2 ) E Gianni Alfani pure : poi fa sì ch'entri nella mente a Guido perch'egli è sol colui che vede amore ( ;i ). Di Lapo Gianni non abbiamo alcun sonetto che porti il suo nome e, seb- bene piccole simiglianze sieno a suo favore ('), sembra strano eh' egli non (i) La forma fiorentina o almeno toscana è in tutto il trattato e nella grafia. (2) Parve a l'Ercole che così fosse: io non la veggo. (3) Ballatetta dolente... (4) L. Gianni : Dicendo che lo scoglio di doglienza have gittate come face il ceno (<t Novelle grazie alla novella gioia »). Vd - sonetto 4-3. come lo cervo non ti rinnuovi e in una ballata : « Ballata, poi che ti compose amore » non mi donar di gelosia errore. . . con il concetto portato dal Sonetto X di Vd. Infine nella canz. : Amor nuova ed antica vani- tate 1 Tuo convenente non vo' più difendere. . . il che potrebbe riferirsi al ritorno ostinato ad Amore, desiderato dal poeta del trattato fino 1 1 'it- egli, stanco dei dolori da amore apportati, lo caccia e lo sfida a mazza e scudo. In questa can- zone però amore è rappresentato con varie imagi ni sovrapponenti, ben contrarie a la maniera poetica del trattatista d'amore. — 21 —