Apri il menu principale

Pagina:Rime (Cavalcanti).djvu/193


- 179 -

Farinata degli Uberti a Guido.


Guido, quando dicesti pasturella,
     vorre' ch'avessi dett' un bel pastore:
     chè si conven ad om che vogl' onore
     4se vol contar verace sua novella.

Tuttor verghetta avia piacent' e bella:
     pertanto lo tu' dir non à fallore,
     ch'i' non conosco re nè 'mperatore
     8che no l'avesse agiata camerella.

Ma dicem un' che fu tec' al boschetto
     il giorno che si pasturan gli agnelli,
     11che non s'avvide se non d'un valletto

che cavalcava ed era biondetto
     ed avea li suo' panni corterelli:
     14però rassetta, se vuo', tuo mottetto.