Pagina:Rime (Cavalcanti).djvu/100


-86-

XXXIV.


Sed io vivo pensoso ed ò dolore
     neun già si ne de' maravigliare,
     però ch'i' posso ben la scusa fare
     a chi esser ne vuol riprenditore.

Che stato i' son servente e son d'amore
     senza me dipartir nè sceverare,
     ed or mi veggio senza colpa dare
     villan commiato a mi' gran disinore.

Che falsator potrebbe dire alcuno
     ch'i' fosse istato, lasso doloroso,
     al mio amor, ch'i' sempre aggio servito:

sì che mia buona fè m'ave schernito,
     né mi' diritto dimostrar non oso;
     ma pur ch'i' fallo m'è fatto comuno.


XXXV.


Morte gientil, rimedio de' cattivi,
     merzè merzè a man giunte ti cheggio:
     vienmi a vedere e prendimi, che peggio
     mi face amor : che mie' spiriti vivi

son consumati e spenti sì, che quivi,
     dov' i' stava gioioso, ora mi veggio
     in parte, lasso, là dov' io posseggio
     pena e dolor con pianto : e vuol ch'arrivi

ancóra in più di mal s'esser più puote;
     perchè tu, morte, ora valer mi puoi
     di trarmi de le man di tal nemico.

Aime ! lasso quante volte dico:
     amor, perchè fai mal pur sol a' tuoi
     come quel de lo 'nferno che i percuote?