Pagina:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu/129


VIII

ANNIVERSARIO DI CURTATONE

Quando la fredda luna
sul largo Adige pende,
e i lor defunti l’itale
madri sognando van;
5un corruscar di sciabole,
un biancheggiar di tende,
un moto di fantasimi
copre il funereo pian.
E via per l’aria bruna
10sorge un clamor di festa:
— L’ugne su noi passarono
dei barbari corsier.
Viva la bella Italia!
orniam di fior la testa:
15o vincitori o mártiri,
bello è per lei cader.