Apri il menu principale
60 il milione


LI (LXIII)

Di Eezima (Ezina).

1Or truova Ezima dopo dodici giornate, ch’èe a capo del diserto del sabbione, ed èe della provincia di Tagut(Tangut), e sono idoli. Egli hanno cammelli assai e bestie assai; e quivi nascono falconi lanieri2 assai e buoni; egli vivono di lavoro di terra3, e non sono mercatanti. E in questa cittá si piglia vivanda per quaranta giorni, per uno diserto4 onde si conviene andare, che non hae abitazione5 nè erbe [nè frutti],6 se non la state, che vi istanno certe genti. Quivi ha valle e montagne, e ben vi si truova bestie salvatiche, sí come asine salvatiche; quivi hae boschi di pini. E quando l’uomo hae cavalcato quaranta giornate per questo diserto, truova una provincia verso tramontana: udirete quale.

LII (LXIV)

Di Caracom (Caracoron).

Caracom è una cittá che gira tre miglia,7 nella quale fue il primo signore ch’ebboro i tarteri, quando egli si partirono di loro contrada. E io vi conterò di tutti i fatti di tarteri, e come egliono ebbero signoria, e com’egliono si sparsono per lo mondo.

  1. Pad. Quando l’omo se parte dala zitá de Canpicion, el cavalca dodexe zoniate, e trova una zita che a nome...
  2. Pad.* e sacri.
  3. Pad.* e de bestiame.
  4. Pad.* verso tramontana.
  5. Fr. ni erberges (Pad. ecc.: nè erba).
  6. Cas. e non li abita gente se no la stade.
  7. Fr. le quel fu le primer citè que les tarlar ont, quant...