Apri il menu principale

il milione 147

radunò insieme saviamente. Or, quando questi furono apresadi, che non mancava se no a comenzar la bataia, allora í cavalli de tartari, quando i vete i lionfanti, aveno sí grande smarimento che li tartari non li podea far andar oltra, onde i se messene in fuga. El re con la so zente e i lionfanti senpre li seguitava. Or, quando i tartari veteno questo, molto se inirò e non saveva quello i dovesse far. E manifestamente vedea che i non podea far andar i suo’ cavalli oltra; onde del tuto i se teniano sconfiti. Ma ala fine i se portò bene, e diròve a che muodo. Quando li tartari vete che li suo’ cavalli iera sí smaridi, tuti desmontò da cavalo e messeli entro el bosco e ligòli agli albori. E dapuò tolse i suo’ archi e comenzò a saitar con le freze i lionfanti, che una mirabel cossa parea; onde i lionfanti duramente fo inavradi, e per el simel molta zente di tartari fo frezadi da quelli delo re. Ma li tartari, ch’era molto mior omeni ne l’arme ca i suo nemixi, se defendeva ardidamente. E quando li lionfanti furono cussi inpiegadi, se misseno tuti in fuga inverso la lor zente con tanto strepito che parea che tuto el mondo se dovesse profondare; e li lionfanti mai non restò infina chi i pervene al bosco, intrando in quello, ronpendo e vaslando tuti i castelli che i aveva adosso, mò in qua mò in lá fuzendo con gran strepido. E quando i tartari veteno veramente che i lionfanti ierano messi in fuga, senza induxio montò a cavallo e andò contra i suo’ nemixi, e cominzorono una crudel bataia con le lor sagite; e lo re con la so zente molto ben se defendea. E, quando i ave trate tute le suo’ sagite, trassero le spade e le lanze, e frontòrosse insenbre dagandose de duri e aspri colpi. Onde la furono una aspra bataia, onde molti de una parte e de l’altra moria, taiandose piè e man e colli, sí che molti cazea morti in tera; onde erano sí gran stormo ch’el non se averla aldido el ziel tonar. Ma li tartari aveano el mior, e mal fo comenzada la bataia per lo re e per la soa zente. Or, abiando durado la bataia mezo dí, el re e la so zente iera sifatamente inplagadi e tanti de lor morti, ch’i non se podeano piú sostegnir, perchè i vedeano lor stessi esser malmenadi. Onde piú non volse star, ma mèssese in fuga; e ziò vedendo i tartari, che costor fuziano, li seguitoe. E quando per gran ora li ave cazadi, li lassò andar, e andò per lo bosco per piar di lionfanti, (e tagliavano i grandi alberi perchè) non potesono andar oltra; e per niente i no ’nde potè brancar. Ma i omeni delo re molti ne piava de queli, perochè li lionfanti i ano mazor inteleto dei altri anemali; onde li prese piú de duxento lionfanti, e da questa