Apri il menu principale

Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/16

2 il milione


carzere a Zenova, alora si fè scriver questo libro a miser Ristazo (Bern. Restazio, Berl. Reustregielo, Fr. Rustacians) da Pisa, lo qual era prixion con esso lui... E questo fo ano Domini mille duxento novanta oto. In quelo tempo che misier Balduino era imperador de Costantinopoli, che fo ano Domini mille duxento zinquanta, misier Nicuola Polo che fo pare de Marco, e misier Mafio Polo, fradelo de misier Nicolò, valenti e savi e avezuti, se partine da Veniesia, e andò con suo mercadanzie in la zitá de Costantinopoli; e li aveno consiglio de dover andar plui innanzi, e per sua utilitate e per sue mercadanzie; e comprarono molte zoie e intrò in nave in Costantinopoli, e andò in Soldania (Fr. Soldadia, Y. Soldaia). Quando li fono in Soldania, aparse a lor un tempo de andar plui avanti, e partisse de Soldania e mèsese in camino e cavalcono che i zonse ala zitá lá dove era Barca Can, che era segnior d’una parte de tartari, li quali abitava in la contra de Bolgara (Bulughan) (e de Sara). Questo segnor Barca Can [signor] onorá miser Nicolò e miser Mafio, (e) mostrò grande alegreza de soa venuta. Egli ghe donò tute le zoie che lor avevano siego, e Barca Can li rezevete volentiera e molto li piaque e fèghe donar altre cosse che valevano ben doatanto; le qual cosse egli le mandano a vender in quelle parte, (e) sono molto ben vendute. E quando egli sono stadi in la tera del Barca Can ben uno ano, sí comenzò una guera tra Barca Can e el signor de tartari de levante; e andò l’uno contra l’altro con tuta soa forza e combatè insieme; e gran dalmazio fo da l’uno lato e da l’altro, ma el ave ale fine la vitoria Alau. E per caxion de quella guera non se podeva andar per quella via; donde quelli do fratelli non podeva tornar dale parte del Barca, perchè ognuno iera morto o preso; ma avanti se podeva ben andar. E allora i do fratelli deliberò de andar avanti per la via de levante, per tornar possa per traverso in Costantinopoli, poichè non poteva tornar per la via donde ierano andadi; e partisse della tera de Barca e andò in una zitá verso levante che a nome Oucaca (Ucaca), ch’è ala fin del regname del segnor del ponente. E da Oucaca se partí, e pasáno el fiume che se chiama Tigri [uno di quatro fiumi del paradixo], e andò per uno deserto ch’è longo dixisete zornate; ni non trovò zitá nè castelli, ma trovò moltitudine grande de tartari che abitano alle canpagne con loro bestie. E quando i ave passato quel deserto i trovò una zità che a nome Bocara, molto nobele e grande. E la provinzia a nome altrosí Bocara; ed era