Apri il menu principale

Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/153


il milione 139


mondo, di tutte fatte. Egli mangiano1 la carne cruda, e ogni carne. I poveri vanno alla beccheria, e quando s’apre il castrone o bue, si gli si cava2 le budella di corpo, e mettele nella salsa dell’aglio, e mangianle, e cosí fanno d’ogni carne. I gentili uomeni la mangiano cruda, ma la fanno minuzzare molto minutamente: poscia la mettono nella salsa, e mangionla e con buone ispezie, e mangionla cosí come noi la cotta. Ancora vi conterò di questa provincia di Caragia medesima.

CIII (CXIX)

Ancora della provincia di Caragia (Charagian).

Quando l’uomo si parte della cittá di Iaci e va dieci giornate per ponente, truova la provincia di Caragia. E la mastra cittá del regno è chiamata Caragia; e sono idoli, e sono al Gran Cane. E il re3 è figliuolo del Gran Cane. E in questa provincia si truova l’oro della pagliuola, cioè nel fiume: e ancora si truova in laghi e in montagne oro piú grosso che di pagliuola,4 e

  1. Berl. carne cruda * de moltoni, de buo’ e de bufali.
  2. Berl. el fígado grando (crudo) si comò l’ese dela bestia, e pestalo menudo, e si ’l mete...
  3. Fr. * Cogacin.
  4. Pad. e ano tanto oro che i dano...