Apri il menu principale


[Mgb. Incomincia il libro di messer Marco Polo cittadino di Vinegia, nel quale tratta delle condizioni e provincie del mondo, lo quale vide e cercò nel tempo che visse in questo mondo, come racconterà per lo detto libro].

DEL PROLOGO

Sí come misier Nicolò e misier Mafio Polo, zitadini de Veniesia, andò imprimamente in Costantinopoli, e dapuò in Soldania, e possa là dove era Barca Acaam (Can), e molte altre cosse. (Fr. cap. i-iv).

Signori re, duchi, marchesi, conti, cavalieri, prinzipi e baroni, e tuta zente a cui dileta de saver le diverse zenerazion de zente e dei regnami del mondo, tolè questo libro e fatelo lezer, e qui troverete tute le grandisime meraveie e diversitate della grande Armenia, de Persia, Tartaria e de India e de molte altre provinzie. E questo libro ve conterá per ordine si come misier Marco Polo, nobile e savio zitadin de Veniesia, á rezitado, segondo che lui medemo vide con i suo ochi. Ben conta in questo libro molte cose ch’el non vide; ma ello le intese da savi omeni e degni de fede. E però meterá le cose vezude per vezuda, e le aldide per aldida, azò ch’el nostro libro sia drito e veraze e senza reprension niuna: ni non è nostra intenzion de scriver cossa che non sia verasia. E sapiate veramente che..., dapò ch’el nostro segnor Dio creò Adam nostro primo padre, ch’el non fo nesuno omo ni Cristian ni pagan ni altra zente del mondo che tanto vedesse e zercasse delle diverse parte del mondo e meraveie come á fato questo misier Marco Polo. E... el pareva a lui ch’el fosse gram mal... che cusí grande e stranie cosse e meraveie non fosseno dite e sapute dale giente... e non fosseno messe in perpetual memoria. A saver queste cose el stete in quelle parte del mondo ben ani vintisié. E, siando in