Apri il menu principale

Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/111


il milione 97


le moglie di tutti gli altri baroni; e ciascuno sae il suo luogo ov’egli dee sedere per l’ordinamento del Gran Cane. Le tavole sono poste per cotal modo che ’l Gran Cane puote vedere ogni uomo, e questi sono grandissima quantitade. E di fuori di questa sala ne mangia piú di quarantamila; perchè vi vengono molti uomeni con molti presenti, gli quali vi vengono di strane contrade con istrani presenti. E di tali ve n’hae c’hanno signoria1 e questa cotal gente viene in questo cotal die, che ’l signore fae nozze e tiene corte e tavola. E2 un grandissimo vaso d’oro fine, che tiene come una gran botte, pieno di buon vino, istá nella sala, e da ogni lato di questo vaso ne sono due piccoli; di quel grande si cava di quel vino, e degli due piccoli, beveraggi. Havvi3 vaselli vernicati d’oro, che tiene l’uno tanto vino che n’avrebbono assai piú d’otto uomeni, e hanne per le tavole tra due uno. E anche ha ciascuno una coppa d’oro con manico, con che beono4; e tutto questo fornimento è di gran valuta. E sappiate che ’l Gran Signore hae tanti vasellamenti d’oro e d’ariento, che non potresti credere se nol vedessi. E sappiate che quegli che fanno la credenza al Gran Cane signore sono grandi baroni. E tengono fasciata la bocca e il naso con begli drappi di seta, acciochè lo loro fiato non andasse nelle vivande del signore. E quando il Gran Cane dee bere, tutti gli stormenti suonano, che ve n’ha grande quantitá; e questo fanno quando hae in mano la coppa: e allotta ogni uomo s’inginocchia, e baroni e tutta gente, e fanno segno di grande umilitade: e cosí si fa tuttavia che dee bere. Di vivande non vi dico, perciochè ogni uomo dee credere ch’egli n’hae grande abondanza; nè non v’ha niuno barone nè cavaliere, che non vi meni sua moglie perchè mangi coll’altre donne. Quando il gran signore ha mangiato, e le tavole sono

  1. Fr. * et encore en vuelent.
  2. Pad. una gran vezia... d’oro fin; e quella sta senpre piena de vino over de altre delicate bevande, e atorno a pè de quella vezia si è quatro (Fr. une... en chascun cant) altri menori vasieli.
  3. Pad. vaseli d’oro... tanto vino che oto omeni o diexe ne ano asai (Yule vessels wich are called verniques).
  4. Pad. * e in questo modo altrosí a le done che manzano alla corte.