Apri il menu principale

Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/101


il milione 87


vinta,1 tutta la gente di Naiam fece la rendita al Gran Cane e la fedeltade. Le provincie sono queste: la prima è Ciorcia, la seconda Cauly, la terza Baiscol (Barscol) (la quarta) Singhitigni (Sichintingiu). Quando il Gran Cane ebbe vinta la battaglia,2 gli saracini e gli altri, che v’erano di diverse genti, si diedono maraviglia della croce che Najam avea recata nell’insegna, e dicevano verso gli cristiani: — Vedete la croce del vostro Iddio come hae aiutato Najam e sua gente? — E tanto il dicevano, che ’l Gran Cane il seppe, e crucciossi contra a coloro che dicevano villania alli cristiani; e fece chiamare gli cristiani che quivi erano, e disse: — Se ’l vostro Iddio non hae aiutato Najam, egli hae fatto grande ragione, perciochè Iddio è buono e non vuol fare se non ragione. Najam era disleale e traditore, che veniva contro al suo signore, e perciò fece Iddio bene che non l’aiutò. — Gli cristiani gli dissono ch’egli avea detto il vero: che la croce non voleva fare altro che diritto: — Egli hae bene avuto quello di che era degno. — E queste parole della croce furono tra ’l Gran Cane e gli cristiani.

  1. Berl. tuti li omeni... e baroni de le quatro provinzie de Nai(an) zurò lialtade al Gran Can.
  2. Pad. Berl. i sarasini, queli che adora le idole, e li zudei, e altra zente che desprixiava la fè de Cristo, sí se ne feno gran befe della... croxe...