Apri il menu principale

1882-1895 97

A MARIA

(acrostico)


Mi piange in cuore un trillo che si leva
A un tratto nelle miti aure serene:
3Rosignol? capinero? Io non so bene;

Io so ch’egli di te già mi chiedeva,
Uccellino cortese: — or dov’è quella
6Colomba dolce, così bianca e bella? —

Candidamente, o bianca mia sorella
Io gli ho risposto che tu più non m’ami.
9Ascolta, or piange, e sembra che ti chiami!

Massa, 1886.



A IDA



O capo biondo, cara occhi d’uccello,
d’uccellino che vive alla foresta,
d’uccellino che canta sull’ornello,
4d’uccellino che bionda abbia la testa:
dov’è, mia cara, il nostro paesello,
dov’è la casa solitaria e mesta,
dov’è il mio nido, dov’è la mia vita...
8oh! dove sei, felicità svanita?

Livorno, 24 agosto 1890.