Pagina:Poesie di Giovanni Berchet.djvu/63


I PROFUGHI DI PARGA




PARTE PRIMA

LA DISPERAZIONE


«Chi è quel Greco che guarda e sospira,
     Là seduto nel basso del lido?
     Par che fissi rimpetto a Corcira
     Qualche terra lontana nel mar. —
     Chi è la donna che mette uno strido
     6In vederlo una rôcca additar?

«Ecco ei sorge. — Per l’erto cammino
     Che pensier, che furor l’ha sospinto?
     Ecco ei stassi che pare un tapino,
     Cui non tocchi più cosa mortal. —
     Ella corre — il raggiunge — dal cinto,
     12Trepidando, gli strappa un pugnal. —

«Ahi, che invan la pietosa il contrasta
     Già alla balza perduta ei s’affaccia,
     Al suo passo il terren più non basta,
     II suo sguardo sui flutti piombò.
     Oh pavento! ei protende le braccia: —
     18Oh sciagura! già il salto spiccò. —

«Remiganti, la voga battete:
     Affrettate; — salvate il furente.
     Ei delira un’orrenda quiete:
     Muore — e forse non sa di morir. —
     O già forse il meschino si pente;
     24Già rimanda a’ suoi cari un sospir.» —