Pagina:Poesie (Carducci).djvu/333


levia gravia 307


De i secreti pugnali. A noi permette
Altri l’età miglior vóti e speranze,
Se de le molli usanze
154Vinca le oblique insidie integra l’alma.

Or vienne, o giovinetta: or, palma a palma
Stretta co ’l tuo fedele, entra d’amore
Nel tempio: ma il pudore
158Che la vergin tingea de la sua rosa

Non si scompagni da la nova sposa.


i due cori


O te felice, o sopra
Il nostro infermo stato
Te cara al ciel! beato
Il letto de’ tuoi amori,
164S’ombra de’propri fiori ― avvien che’l copra.

Ma in cor ti sieda impresso
Ch’ogni piacer piú caro
Ti tornerà in amaro
Senza i baci e gli accenti
169De’ pargoli innocenti ― e il puro amplesso.