Pagina:Poesie (Carducci).djvu/330

304 levia gravia


Tu togli, amor possente,
La vergine al suo tetto,
Tu lei togli a l’aspetto
E al bacio lacrimato
89De l’uno e l’altro amato ― suo parente.

A novo ostel la guidi,
Ad altre cure e sante;
E al consecrato amante
Lei timida e vogliosa
94Doni moglie, e pietosa ― amica fidi:

Onde poi si rinnova
La socïal famiglia;
Dove, se amor consiglia
Al vero al buono al retto,
99Virtú fiorisce e affetto ― in bella prova.

Fanciulla, or t’abbi in core
Pur tra’ pensier piú cari,
Che de’ pudichi lari
In te posa la fede,
104Che del costume siede ― in te il valore.

Tu lasci i primi gigli,
E cambi a piú gentile
Questo tuo stato umile;
E il saprai quando intorno
109Ti fioriranno un giorno ― i dolci figli.