Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/300

294 poemetti allegorico-didascalici

CXXVI

Falsembiante.

     «Que’ che non pensa d’aver l’armadure
ch’i’ v’ho contate, o ver preziosi vini
o ver di be’ sacchetti di fiorini,
4le mie sentenze lor fier troppo dure.
Né non si fidi giá in escritture,
ché saccian che co’ mie’ mastri divini
i’ proverò ched e’ son Paterini,
8e farò lor sentir le gran calure.
     Od i’ farò almen che fien murati,
o darò lor sí dure penitenze
11che me’ lor fora che non fosser nati.
A Prato ed a Arezzo e a Firenze
n’ho io distrutti molti e iscaccïati.
14Dolente è que’ che cade a mie sentenze!»

CXXVII

Lo Dio d’amor e Falsembiante.

     — «Dí, Falsembiante, per gran cortesia,
po’ ch’i’ t’ho ritenuto di mia gente,
e hòtti fatto don sí bel e gente
4che tu se’ re della baratteria,
affideròmmi in te, o è follia?
Fa che tu me ne facci conoscente;
chéd i’ sarei doman troppo dolente,
8se tu pensassi a farmi villania.»
     — «Per Dio merzé, Messer, non vi dottate,
chéd i ’vi do la fé, tal com’i’ porto,
11chéd i’vi terrò pura lealtate.»
— «Allor» sí disse Amor «ognon si’ accorto
d’armarsi con su’ arme devisate,
14e vadasi al castel che sí m’ha morto.»