Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/282

276 poemetti allegorico-didascalici

XC

Falsembiante.

     «E’ si vanno lodando la povertá,
e le ricchezze pescan co’ tramagli,
ed ivi mettor tutti lor travagli,
4tutto si cuoprar e’ d’altra coverta.
Di lor non puo’ tu trarre cosa certa:
se tu lor presti, me’ val a chitarli;
ché se tu metti pena in racquistarli,
8ciascun di lor si ferma in darti perta.
     E ciascun dice ch’è religïoso,
perché vesta di sopra grossa lana,
11e’1 morbido bianchetto tien nascoso.
Ma giá religïone ivi non grana,
ma grana nel cuor umile e piatoso,
14che ’n trar sua vita mette pena e ana.»

XCI

Falsembiante.

     «Com’i’v’ho detto, in cuore umile e piano
santa religïon grana e fiorisce;
religïoso non si inorgoglisce;
4tuttora il truova l’uon dolce e umano.
A cotal gente i’ sí do tosto mano,
ché vita di nessun non m’abbellisce,
se non inganna e baratta e tradisce;
8ma ’l piú ch’i’ posso, di lor sí mi strano,
     ché con tal gente star ben non potrei;
ch’a voi, gentil signor, ben dire l’oso,
11che s’i’ vi stesse, i’ sí m’infignirei.
E però il mi’ volere i’ sí vi chioso,
che pender prima i’ sí mi lascerei,
14ched i’ uscisse fuor di mi’ proposo.»