Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/271


il fiore 265

LXVIII

L’Amante e Amico.

     Quand’ebbi inteso Amico, che leale
consiglio mi donava a su’ podere,
i’ sí li dissi: «Amico, il mi’ volere
4non fu unquanche d’esser disleale;
né piaccia a Dio ch’i’ sia condotto a tale,
ch’i’ a le genti mostri ben volere
e servali del corpo e dell’avere,
8ched i’ pensasse poi di far lor male.
     Ma sòffera ch’i’ avanti disfidi
e Malabocca e tutta sua masnada,
11sí che neuno in me giá mai si fidi:
po’ penserò di metterli a la spada».
Que’ mi rispuose: — «Amico, mal ti guidi:
14cotesta sí non è la dritta strada».

LXIX

Amico.

     «A te sí non convien far disfidagli,
se tu vuo’ ben civir di questa guerra.
Lasciala far a gran signor di terra,
4che posson sofferir oste e battaglia!
Malabocca, che cosí ti travaglia,
è traditor: chi ’l tradisce non erra;
chi con falsi sembianti no ll’afferra,
8il su’ buon gioco mette a ripentaglia.
     Se tu lo sfidi o batti, e’ griderá,
chéd egli è di natura di mastino:
11il chi piú ’l minaccia, piú gli abbaierá.
Chi Malabocca vuol metter al chino,
sed egli è saggio, egli ’l lusingherá;
14ché, certo sie, quell’è ’l dritto cammino.»