Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/266

260 poemetti allegorico-didascalici

LVIII

Amico.

     «Le giovane e le vecchie e le mezzane
son tutte quante a prender sí ’ncarnate,
che nessun puote aver di lor derrate
4per cortesia, tanto son villane;
ché quelle che si mostran piú umane
e non prenden, ti danno le ghignate.
Natur’è quella che le v’ha fetate
8sí com’ell’ha fetato a caccia il cane.
     Ver è ch’alcuna si mette a donare;
ma ella s’è ben prima proveduta
11ch’ella ’l dará in luogo da doppiare.
I lor gioe’ non son di gran valuta,
ma e’ son esca per ucce’ pigliare.
14Guardisi ben chi ha corta veduta!»

LIX

Amico.

     «Se quella cu’ richiedi ti rifiuta,
tu sí non perdi nulla in su’ scondetto
se non se solo il motto che l’hai detto:
4dello scondir sará tosto pentuta.
Una nel cento non fu mai veduta
(ed ancor piú che ’l miglia’ ci ti metto)
femina cu’ piacesse tal disdetto,
8come ch’ella t’assalga di venuta.
     Richie’, ch’almen n’avra’ su’ ben volere,
con tutto ti vad’ella folleggiando,
11ché tu no lle può’ far maggior piacere.
Ma di ciò non de’ gir nessun parlando,
se ’n averla non mette su’ podere;
14chéd ella se ne va da poi vantando.»