Pagina:Pei monumenti storici del Friuli.djvu/20

16

gistrature, e Cariche delle Stato e della Corte, Nobiltà, Schiavitù, Feudi, Giurisdizioni, Parlamenti) b) la Legislazione (Statuti, Placiti, Leggi civili, suntuarie, penali, ecc.) c) le Rendite pubbliche (imposte, commercio, moneta, oflfcine monetarie, valori delle derrate); d) la Milizia (ordini) arruolamento, arme, prestazioni, stipendj, tattica ecc.); e) la vita privata (vestiario, vitto, suppellettili, costumanze ecc.); f) le Feste (cerimonie, giuochi, spettacoli, teatri); g) le Stirpi illustri; (Genealogie, Privilegi, Blasone).

IV. Jeratica


Gli Scritti, ed i Monumenti che fanno testimonianza delle credenza religiose in Friuli ci danno a) il culto degli Dei pagani; b) la predicazione del Cristianesimo, e l’Istituzione della Chiesa Aquilejese; c) le vicissitudini e le prerogrative del’Episcopato; d) la fondazione delle Badie, dei Capitoli, dei Monasteri, delle Parrocchie, dei Templi, delle Confraternite, degli Spedali; e) i Riti, le Liturgie, le Feste, le Pratiche superstiziose; f) le Eresie, gli Scismi, le Variazioni; g) i Sinodi, le Leggi Ecclesiastiche; h) le Leggende, le Biografie, i Menologi, le Nemesi.

V. Grammatologia


La Storia letteraria, che dipinge i lineamenti più fini della fisonomia dei popoli, deve ogni memoria raccorre che manifesti le origini, e le importazioni, i movimenti di progresso e di decadimento, i deperimenti e le instaurazioni di ogni coltura, e di ogni arte; a) la letteratura, cioè Lingua, Lettere, Arti Belle, Scienze; b) gli amunicoli della coltura, cioè Scuole, Accademie, Tipografie, Maestri; c) i depositi della dottrina, cioè Archivj, Biblioteche, Musei, Bibliografie.