Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/32

12 traduzioni e riduzioni

Subito a Patroclo disse, al compagno che gli era vicino:
“Dunque un cratere più grande tu qua, Menetìade, poni:
vino più forte ci mesci ed appresta a ciascuno la coppa;
chè i più amici ch’io abbia, qui sotto il mio tetto ora sono
     Questo egli disse e già Patroclo al caro compagno ubbidiva.
Ecco, egli stesso un gran banco assettò nel chiarore del fuoco,
e su vi pose una schiena di pecora ed una di capra,
e d’un maiale ingrassato la spalla fiorente di lardo.
Automedonte teneva le carni, tagliava il Pelide.
Mentre che ben le partiva e che negli schidioni infilzava,
una fiammata faceva il compagno, uom simile a un dio:
poi quando il fuoco fu fatto, e la fiamma fu tutta smorzata,
stese le brage il Pelide e gli spiedi allungò sulla brage,
sparse le carni di sale e gli spiedi appoggiò sugli alari.
E poi che l’ebbe arrostite e l’ebbe versate nei banchi,
Patroclo prese e parti qua e là per la tavola il pane
dentro canestri ben fatti, ed Achille divise le carni;
poi di rimpetto egli stesso sedè del divino Odisseo,
alla parete di faccia, ed a Patroclo, al caro compagno,
disse d’offrire agli dei, e nel fuoco e’ gettava l’offerte.
Quindi sui cibi imbanditi ciascuno metteva le mani...

fenice parla dell’infanzia d’achille

Molto di cuore t’amavo: chè tu non volevi con altri
fuori di casa a banchetto venire od in casa mangiare;
sulle ginocchia volevi tu ch’io ti prendessi a sedere;
ti sminuzzassi la carne, ti dessi il mangiare ed il bere.
Mi spruzzolavi di vino sovente la veste, sul petto:
chè rigettavi; cosi, coni’è il garbo dei poveri bimbi.