Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/233


poesia popolare eroica civile 205


DAL CATULLO CALVOS DI GIOVANNI PASCOLI

il ritorno

“Tua madre „ mi scrivono un giorno
“sta male... sta peggio„ poi... “muore„.
Su rapide rote io ritorno.

È pallida l’aria; ne cade
la pioggia con stroscie sonore;
son tutta una pozza le strade.

“Non parla, non vede„ a la porta
mi dicono “più! né baciarla
puoi più che in un viso di morta
                         già freddo!„

M’accosto al suo letto: ella un poco
li occhi alza: ella vede, ella parla:
“Oh! povero bimbo!... del fuoco,
                         chè ha freddo!„