Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/174

146 traduzioni e riduzioni


la lumaca e lo specchio

Una lumaca s’invaghì d’un lucido
     specchio, che avea trovato, ed, attaccatasi
     a lui, si pose adagio a scombavarselo.
     Nulla fare credea di più amorevole
     a quella luce, che di macchie offenderla.
     Come una scimmia poi lo vide sudicio,
     — Oh!, disse, tale disonor si merita
     chi si concesse a tale vituperio. —
Per le donne che a stolti si congiunsero,
     a sciagurati, è scritta questa favola.


la rondine e gli uccelli

Eran gli uccelli in un sol luogo a pascere.
     Un uomo seminava il lino. Vedono
     gli uccelli e poco o punto se ne curano.
     Ma quando Io riseppe anche la rondine
     convocò gli altri e disse in questi termini:
     — Grande grande sovrasta a noi pericolo,
     quando quel seme sbullettasse. — Ridono
     gli uccelli. Ed ecco i semi che sbullettano.
     — Meschini a noi!, ripiglia allor la rondine:
     su, tutti lesti, tutti insiem si sbarbichi
     la mala pianta, che non se ne facciano
     reti, ed al laccio non ci prendan gli uomini! —
     E quelli pure, sciagurati, a ridere
     del prudente consiglio della rondine;
     sì ch’ella, savia, si recò dagli uomini