Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/159