Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/153


catullo - orazio - virgilio 133


l’arte di roma



               Con lavorìo più delicato il bronzo
               altri farà spirare, altri dal marmo
               vive sembianze caverà: sia pure.
               Arringherà; disegnerà, val meglio,
               del ciel le corse; col quadrante, gli astri
               narrerà, quando ognun sorga e tramonti.
               Tu dèi, Romano, governare il mondo,
               ricordati, e a civil pace le genti
               piegar. Di Roma è questa l’arte. Al vinto
               perdono, e guerra guerra a chi resiste.


la terra di circe



Cresce la brezza al cader de la notte, ed il lume di luna
mostra la via: raggiando al riverbero tremola il mare.
Or de la terra di Circe le navi radevano il lido,
dove la figlia del Sole, che ricca è d’oro, risuona
con il perpetuo canto gl’inaccessibili boschi;
mentre di notte ne li alti atrii arde l’odore del cedro,
chiaro su lei, che percorre col pettine arguto la tela.
Ringhi, tra’ vincoli, d’ira di reluttanti leoni
erano là: ruggiti nel cuor de la notte: cignali
irti di setole ed orsi empivano d’urla le stalle:
mentre con ululi cupi gemean grandi ombre di lupi.