Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/126

106 traduzioni e riduzioni

s’ode la canzoncina de l’acquaiolo che passa:
chi su la via dimora, alcun barroccio lo desta
col cigolìo de la sala; ed intronano dentro l’orecchio
già co’ la fitta de’ colpi i lavoratori del bronzo.

dictyna

Sopra di quante ne sono, una ninfa Gottinide amasti,
la conduttrice di cervi Britomarti. Minos un tempo,
quella, percosso d’amore, inseguì per i monti di Creta.
Essa, la ninfa sfuggiva ora sotto le quercie fronzute,
ora ne’ verdi acquitrini. Egli errò nove lune per borri
e precipizi, nè mai d’inseguirla cessò, fin a quando
ella già già nelle grinfie di lui diede un lancio nel mare
giù da un altissimo picco, e balzando incappò nelle reti
di pescatori, e fu salva. Di che, da quel tempo, i Cydoni
chiaman Dictyna la ninfa, ed il monte, onde scese la ninfa
con il suo lancio, Dicteo; e le alzarono altari e le fanno
lor sacrifizi, e nel giorno che vien la sua festa, è ghirlanda
pino e lentisco: in quel giorno le mani non toccano il mirto.
Questo perchè s’impigliò nella veste un germoglio di mirto
alla fanciulla, quel dì che fuggiva; e grand’astio ha col mirto.

ora gioconda

Gli alberi a noi sulla testa si tentennavano al vento,
gattici ed olmi: per lì sgorgava un rivolo d’acqua
sacro da un antro di ninfe, che sussurrava gemendo.
E su le branche ombrose de li alberi, rosse dal sole
tante cicale frinendo s’affaticavano, e il grillo
lungi tridìa tra gli spini ravviluppati de’ roghi.