Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/120

100 traduzioni e riduzioni

HESIODO
Poi la carne de’ buoi mangiarono e il collo a’ cavalli
HOMERO
Sciolsero, tutto sudor, poi che furono sazi di guerra.
HESIODO
Questo guerriero è nato e di padre forte e non forte
HOMERO
Madre; poiché la guerra è dura per tutte le donne.
HESIODO
Per tutto il giorno così banchettarono, senz’aver nulla
HOMERO
Dalla lor casa: imbandiva il sire dei forti Agamemnon.


sappho

I.
Afrodite, figlia di Giove, eterna,
trono adorno, piena di vie: ti prego!
non domar con pene e con crucci, o grande
                         nume, il mio cuore.
Anzi vieni qua, s’altra volta ancora,
quella voce mia di lontano udendo,
l’ascoltavi: dalla paterna casa
                         subito uscisti;
aggiogasti al carro tuo d’oro i belli
tuoi veloci passeri: sulla nera
terra, tra l’azzurro del cielo, con un
                         battere d’ale
rapido, eccoli! ecco che tu, beata,
con un riso dell’immortal tuo viso