Pagina:Pancaldi - Sulla rete delle strade ferrate del Nord Ovest dell'Italia, 1856.djvu/19


delle strade ferrate 333


sottoposta soltanto alle rotture d’argini di quel Torrente le di cui innondazioni sono di poca durata attesa la elevatezza del suolo su cui possono espandersi le acque sortite dall’alveo in massima piena. Questa linea accosterà Cento, e S. Giovanni in Persiceto che sono luoghi di un commercio alquanto esteso, e vivo cui partecipan non pochi paesi mercantili del Modonese che concorrono ai mercati settimanali nei quali si traficano granaglie, merci, telerie ed una quantità sorprendente di bestiami bovini, essendovi all’uopo fiere annuali della durata di più giorni consecutivi. In questa linea si trovano gli opifici idraulici di Cento, e gli altri molti di S. Giovanni in Persiceto sia ad uso di macinar granaglie ecc., di pilar risi, sia per esercitare, e per mantenere in esercizio gli stabilimenti di pellacaneria, di tintoria ecc., saliti in rinomanza, come si contemplò con piacere nell’ultima esposizione agraria riguardo ai colori dati alle seterie tinte a S. Giovanni in Persiceto.

27.° In quanto alle spese di costruzione, fu calcolato dal sig. Polmayer che la linea da Bologna per S. Giorgio, S. Pietro in Casale, e Poggio Renatico sino al Pò nelle adiacenze di Lago-Scuro avrebbe importata la somma, tutto compreso, di Sc. 1,400,000.

Sebbene alquanto più lungo e meno rettilineo l’andamento della Ferrata per Cento e S. Giovanni in Persiceto alla centrale, pur tuttavia essendosi fatta la stima Polmayer in una epoca nella quale più alto era il prezzo delle ferramenta, e dei veicoli di trasporto, occorrendo per la linea di S. Giovanni minori riempimenti e trasporti di terra, risparmiandosi in essa la costruzione di un Ponte sul Reno, sembra che non debba importare di più della spesa peritata dal Polmayer per la linea da lui tracciata da Bologna, per S. Giorgio, S. Pietro in Casale, e Poggio Renatico al Pò in poca distanza da Ferrara.

28.° Sono queste a parer mio le principali condizioni che si possono dir proprie di ciascheduna delle due linee di congiunzione fra Ferrara e Bologna, l’una per Cento, e S. Giovanni in Persiceto, l’altra per S. Giorgio, e Poggio Renatico. Esse potranno servire di norma per effettuare un attento esame