Pagina:Pancaldi - Idea di progetto di una supposta strada ferrata nella provincia di Bologna, 1842.djvu/11


223


Livellazione al Monte.


Continuando l’esame delle pendenze sulla porzione di strada che seguirebbe nel monte, e partendo dal punto di livello nel quale si è stabilita la sommità della strada ferrata alla intersecazione della Via Flaminia in Metri 41.80 (Piedi 110 Bolognesi), e dovendo ritenere per le notizie che si hanno dalle memorie stampate sulle Terme Porrettane, confirmate in varie circostanze da replicate osservazioni barometriche, che il suolo della Porretta rimane Metri 233.60 (Piedi bolognesi 620), e per gli scandagli fatti da questo punto allo in su lungo il Reno, rimane il confine fra lo Stato Pontificio e il Gran Ducato di Toscana Metri 247.76 (Piedi bolognesi 652), sempre sulla orizzontale comune distaccata dal pelo basso dell’Adriatico, risulta da questi dati una differenza di livello fra la Via Flaminia, ed il Confine suddetto di Metri 205.96 (Piedi bolognesi 542). Ora essendo lo spazio che percorrere dovrebbe la strada ferrata fra i suddetti due punti estremi di Metri 64,949 (Pertiche bolognesi 17,092), se si dovesse distribuire egualmente tutta la suddetta caduta, essa darebbe una cadente di metri 3.17 per ogni mille metri di lunghezza (Piedi bolognesi 15. 10. 3) per ogni miglio bolognese, e la quale corrisponde a millimetri 3.17 per ogni metro lineare di strada, pendenza inferiore a quella accordata in millimetri 5 per ogni metro stradale a rotaie di ferro.

Ma anche qui, e con più forte ragione, s’incontra necessità di passare il Reno nelle vicinanze di Casalecchio, di adattare la strada alle disposizioni irregolari del monte, di superare altre non poche difficoltà per cui fa d’uopo dì distribuire l’andamento della linea in diversi livelli adattati appunto alle circostanze locali, e per cui io ho giudicato necessario di ripartire la totale caduta dei Metri 205,96 (Piedi bolognesi 542) nei tratti, e nelle pendenze notate in appresso, le quali formano una dolce ascesa da Bologna al Confine Toscano, ed all’opposto una discreta discesa senza alcuna contropendenza dalla volta della Toscana alla città nostra.