Pagina:Orlandi - Dell'incendio del Monte di Somma, 1631.djvu/4

[versione diplomatica]

Al molto Illuſtre Signore, e padron mio oſſeruandiſ.

Il Signore

L V C I O  C A S’ A L T A.


DAl dotto Itinerario Napolitano del Gentilhuomo tanto caro amico di V. S. che lei ſi degnò per ſua corteſia darmi à leggere con molto mio guſto, el Mondo in brieue vedrà eon vniuerſal ſodisfatione dato alle ſtãpe, hauendo riaſſunto la preſente erudita relatione dell’incēdio del Mōte di Somma; mi è parſo preſentarla à V. S. iſteſſa, ſi perche come coſa d’altri è di douere, che al proprio padrone ſi reſtituiſchi; ſi anche perche le premitie de’ frutti al natural Signore del Giardino ſi ſogliono appreſentare; come fo io con V. S. eſſendo con lui vna coſa iſteßa per l’anticha amicitia, e buona correſpondenza; à cui con profonda riuerenza baciando le mani gli la preſento in Napoli li 24. di Decembre 1631.

     Di V. S.

          Molto Illuſtre

                              Obligatiſſimo ſeruidore

Giouanni Orlandi.    


[versione critica]

Al molto Illustre Signore, e padron mio osservandis.

Il Signore

L U C I O  C A S’ A L T A.


DAl dotto Itinerario Napolitano del Gentilhuomo tanto caro amico di V. S. che lei si degnò per sua cortesia darmi à leggere con molto mio gusto, el Mondo in brieve vedrà eon universal sodisfatione dato alle stampe, havendo riassunto la presente erudita relatione dell’incendio del Monte di Somma; mi è parso presentarla à V. S. istessa, sì perche come cosa d’altri è di dovere, che al proprio padrone si restituischi; si anche perche le premitie de’ frutti al natural Signore del Giardino si sogliono appresentare; come fo io con V. S. essendo con lui una cosa istessa per l’anticha amicitia, e buona correspondenza; à cui con profonda riverenza baciando le mani gli la presento in Napoli li 24. di Decembre 1631.

     Di V. S.

          Molto Illustre

                              Obligatissimo servidore


Giovanni Orlandi.