Pagina:Opere varie (Manzoni).djvu/54

48 adelchi

                       desiderio.
                (ai fuggitivi che s’affollano)

                                        Oh vili!
Alle Chiuse salviamci; ivi a difesa
Restar si può.

                      un soldato.
                     Sono deserte: i Franchi
Le passeranno; e noi siam posti intanto
Tra due nemici: un piccol varco appena
Resta alla fuga: or or fia chiuso.

                       desiderio.
                                               Ebbene;
Moriam qui da guerrier.

                    un altro soldato.
                                Siamo traditi;
Siam venduti al macello.

                    un altro soldato.
                                 In giusta guerra
Morir vogliam, come a guerrier conviensi,
Non isgozzati a tradimento.

                    altro soldato.
                                 I Franchi!

                    molti soldati.
Fuggiamo!

                       desiderio.
                  Ebben, correte; anch’io con voi
Fuggo: è destin di chi comanda ai tristi.
                   (s’avvia coi fuggitivi)


SCENA IV.


Parte del campo abbandonato da’ Longobardi, sotto alle Chiuse.

CARLO circondato da CONTI FRANCHI, SVARTO.


                        carlo.
Ecco varcate queste Chiuse. A Dio
Tutto l’onor. Terra d’Italia, io pianto
Nel tuo sen questa lancia, e ti conquisto.
È una vittoria senza pugna. Eccardo
Tutto ha già fatto.
                    (a uno de’ CONTI)
                       Su quel colle ascendi,
Guarda se vedi la sua schiera, e tosto
Vieni a darmene avviso.
                    (il CONTE parte)