Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/453


413

suo, o ad alcuno fosse vicino; e così fece tanto nel paese superiore, quanto nel nuovo e vecchio Epiro, dove fortificò la città di Giustinianopoli, detta Adrianopoli prima.

Riparò eziandio Nicopoli, Fotica, e Fenice: i quali due luoghi ultimi, perchè posti in basse terre, e cinti da acque stagnanti, non riputando egli possibile farli sicuri con mura, che si tenessero salde, a nessuno d’essi mutò forma: bensì sopra una vicina altura assai scoscesa piantò varii castelli, che li difendessero. Era in quelle parti una città antica, abbondante d’acqua, e di nome assai conveniente alla natura del sito, poichè anticamente era detta Eurea. Aveva essa non lungi un lago, e nel mezzo di questo un’isola, su cui s’alzava un colle: tanto poi di terra lasciava quel lago, quanto bastava per somministrare il passo a quell’isola; e l’Imperadore fatti passare colà gli abitanti, una fortissima città vi piantò ben murata, e d’ogni difesa fornita.


CAPO II.


Le Termopili, e parecchie città della Grecia fortificate.


Oltre tutto l’Epiro, e scorse l’Etolia e l’Acarnania, succedono il seno Crisseo, l’istmo, Corinto, e la rimanente Grecia, dove singolarmente spiccò la provvidenza dell’Imperadore. Ed è invero mirabil cosa che con tante mura corroborasse l’Impero romano. Ma fra tutti i varii luoghi, a cui le sue cure si estesero, vuolsi spezialmente far menzione di quelle, che si prese per le

Procopio 27