Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo I.djvu/430

390
LIBRO TERZO


CAPO PRIMO.


Quali re l’Armenia avesse. Parte del regno diviso aggiunta al dominio dell’Impero romano. Ivi mandato un Conte, e poscia sotto Giustiniano un Maestro dei soldati. Satrapi al governo dell’Armenia romana. Loro distintivi. Zenone Augusto spoglia dell’autorità alcuni di essi; e Giustiniano li leva tutti, e sostituisce loro i Duchi.


Così come nell’antecedente libro esposi, Giustiniano Augusto con varie opere assicurò l’Oriente. E poscia che incominciai a descrivere tante fortificazioni fatte sulla frontiera romana che guarda la Persia, stimo conveniente passare di là agli Armeni, i quali abitano nella Persia dalla città di Amida sino alla seconda Teodosiopoli, e disponendomi ad accennare gli edifizii di quella plaga, parmi conveniente premettere in che modo l’Imperadore gli Armeni abbia tratti a quella sicurezza, di che godono costantemente, quando prima erano in sommo pericolo. Imperciocchè non tanto con edifizii, ma con molti altri provvedimenti egli mise in salvo questi sudditi, siccome in appresso dirò. Ma debbesi prendere principio da più alto ragionamento.

Una volta l’Armenia avea un re di sua nazione, siccome l’antichissima storia testifica. Dopo che Alessan-